Charlotte al Tiramisù

Il nostro è stato un ottobre ricco di eventi, di quelli che riempiono gli album dei ricordi e lasciano poco tempo per le altre cose.
L’uomo più importante delle nostre vite compiva gli anni e negli stessi giorni un nuovo amore trovava strada tra le nostre vite, riempiendo così i primi giorni di novembre di coccole e pannolini.

image

Da brave figlie abbiamo provato a fare del nostro meglio per regalare al nostro papi una bella torta che unisse i gusti di tutti.
Crediamo di esserci riuscite con questa Charlotte deliziosa alla vista e al gusto.

image
Visto l’importanza del momento non potevamo che ispirarci a dei grandi maestri come L. Montersino, per le creme, ed a G. Aresu, per la base.

Ingredienti:
per il Pan di Spagna
240 g uova
200 g zucchero semolato
140 g farina 00
60 g tuorlo
60 g fecola
40 g burro fuso

per la gelée al Cioccolato e Caffè
80 g caffè
88 g acqua
100 g zucchero semolato
75 g panna
25 g cacao amaro
5 g fogli di colla di pesce
85 g cioccolato fondente

per la mousse al Mascarpone
250 g mascarpone
250 g panna semi montata
88 g tuorli
150 g zucchero semolato
5 g fogli di colla di pesce
mezza bacca di vaniglia

per la decorazione
400 g panna montata
50 g cacao amaro
perline di zucchero

Procedimento:
Sembrava tutto complicato invece, lavorando simultaneamente, la preparazione è stata molto semplice e veloce.
Mentre una si dedicava al pan di spagna utilizzando la planetaria, l’altra preparava la gelée al cioccolato.
Per il pan di spagna abbiamo scaldato le uova, i tuorli e lo zucchero in un pentolino fino a raggiungere i 45°C. A questo punto li abbiamo versati in planetaria e montati per bene.
Abbiamo trasferito una piccola parte del composto montato in una ciotola ed abbiamo unito il burro fuso, precedentemente raffreddato un po’.
All’altra parte del composto, invece, sono state incorporate la farina e la fecola setacciate. Abbimo acceso il forno a 220°C e, per finire, abbiamo incorporato anche la dose di composto contenente il burro fuso.
Per infornare il composto abbiamo rivestito la leccarda con un foglio di carta forno ed, aiutandoci con una sac a poche, abbiamo distribuito il composto cercando di ottenere uno spessore omogeneo e sottile.
È stata sufficiente una cottura di pochi minuti per ottenere un pan di spagna ben dorato.
Per la gelée è stato preparato il caffè espresso, lo abbiamo fatto bollire insieme all’acqua ed allo zucchero, vi abbiamo incorporato il cacao sciolto nella panna e riportato a bollore. Tolto dal fuoco, abbiamo versato il cioccolato fondente tagliato a pezzi ed i fogli di gelatina, già ammollati.
Il composto è stato amalgamato e versato in una teglia da 18 cm di diametro, rivestito di pellicola, per creare un disco dallo spessore di 1 cm.
Il disco di gelée é stato lasciato in freezer a solidificare per un paio di ore.
Non appena il pan di spagna si è raffreddato, sono state ritagliate delle strisce alte 8 cm, utilizzati per i bordi, ed un disco di 22 cm di diametro, per la base.
Prima di iniziare il montaggio della torta, abbiamo preparato la mousse al mascarpone. Abbiamo proceduto preparando lo sciroppo di zucchero necessario a pastorizzare i tuorli durante il montaggio in planetaria.
Abbiamo sciolto i foglio di colla in acqua tiepida ed, una volta strizzati, li abbiamo aggiunti ad una piccola parte del composto. Nel frattempo, abbiamo montato insieme la panna, il mascarpone e la vaniglia. Abbiamo unito la massa montata di tuorli e quella contenente la gelatina.
image

A questo punto eravamo pronte per il montaggio. Per prima cosa abbiamo creato la struttura della torta con il pan di spagna; abbiamo imbevuto la base con della gelée liquida; abbiamo creato il primo strato di mousse al mascarpone ed inserito il disco di gelée sopra. Abbiamo concluso la torta con il secondo strato di mousse ed uno strato decorativo di panna montata.
Come decorazione finale è stato spolverato un po’ di cacao sulla superficie della torta e sono state inserite le perline di zucchero.

image

Eravamo sicure della bontà della torta, ma vedere le facce della nostra famiglia dopo l’assaggio è stato molto rincuorante.

One Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *