Pagnotte cacao e nocciole

Ieri 15 Marzo era il Pasta Madre Day.
Alcune di voi avranno avuto il piacere di riceverne un pezzo in una delle piazze o molini dove ieri si sono organizzati ritrovi ed eventi.
Altre, le veterane, l’avranno avuta in dote da mamme o nonne o zie panificatrici, chi lo sa!
Noi invece l’abbiamo autoprodotta tre anni fa e da subito siamo riuscite a notare i vantaggi di una lievitazione naturale.
A volte è impegnativo prendersene cura: devi pensare a nutrirla e a coprirla nei giorni più freddi (i nostri mariti la trovano sempre sotto qualche copertina comoda comoda sul divano).
Per non parlare della difficile decisione da affrontare quando si va in vacanza per più di 5 gg: la porto con me o l’affido a qualcuno?
E soprattutto, di chi fidarsi?
Vi abbiamo fatto un po’ sorridere, ma nonostante ciò siamo soddisfatte dei grandi risultati ottenuti, da semplici pani ad impegnativi panettoni, da soffici focacce a profumate e leggiadre veneziane.

image

Ma quello che sappiamo sul suo utilizzo, dai rinnovi alle percentuali di pasta madre negli impasti lo sappiamo perché abbiamo spulciato più volte il web, in particolare il post sulla gestione del lievito madre del blog Profumo di lievito.
Vi consigliamo di dargli una lettura! Veniamo a noi!
Per questa ricorrenza abbiamo preso ispirazione da un paio di ricette di E. HadJiandreou proposte nel libro “Come si fa il pane”.
Così sono nate delle pagnotte, o pagnottine, al cacao e nocciole con un tocco in più.

image

Ingredienti:
60 g lievito madre idratato al 40%
200 g acqua
200 g farina W330 Molino Rossetto
40 g farina integrale
40 g cacao amaro
un cucchiaino di miele
4 g sale
25 g nocciole tostate tritate
20 g fiocchi di cereali tritati

Procedimento:
In una ciotola abbiamo idratato, utilizzando due terzi della dose di acqua, il lievito madre insieme ad un cucchiaino di miele. Dopo aver aggiunto la farina integrale abbiamo lasciato riposare per mezz’ora circa,al termine del quale sono stati aggiunti il cacao e la farina. Abbiamo versato la dose di acqua restante e continuato a mescolare con una forchetta.
Per ultimi abbiamo incorporato il sale e le nocciole, precedentemente tostate in forno a 180°C per 15 minuti e tritate grossolanamente.
Abbiamo impastato a mano su un piano leggermente infarinato fino ad ottenere un impasto soffice, non vi preoccupate se rimane un po’ appiccicoso, non è necessario aggiungere farina.
Abbiamo trasferito l’impasto in una ciotola coperta con pellicola e lasciato un’ora a temperatura ambiente, dopo la quale abbiamo riposto in frigo per 40 ore.
La mattina abbiamo lasciato che l’impasto raggiungesse temperatura ambiente per capovolgerlo in un piano infarinato. Abbiamo effettuato due serie di pieghe distanziate da mezz’ora circa durante la quale l’impasto è stato coperto a campana.
Abbiamo distribuito sul piano di lavoro i fiocchi di cereali, ed una volta scelta la forma da dare al vostro pane (per noi tre semplici pagnottine) abbiamo impanato delicatamente l’impasto passandolo sui fiocchi. Di seguito abbiamo riposto i panini in uno stampo da plumcake ed atteso il raddoppio.
Le pagnotte sono state incise e cotte a 220°C fino a lievitazione ultimata e poi a 200°C per altri 15 minuti circa, fino ad ottenere un rumore sordo bussando sul fondo.

image

La golosità del cioccolato si unisce alla croccantezza delle nocciole tostate e alla genuinità dei fiocchi di cereali.
Ottimo per degustazione di marmellate, confetture o, come abbiamo scelto noi, mieli di produzione locale.

Con questa ricetta partecipo a Panissimo di Marzo

panissimo

nowy2

Please follow and like us:

2 Comments

  1. Sono meravigliose!!!! Ricordati di portarla alla raccolta di Pianissimo, da me e di completare con i vari link, sotto il banner. Come darti torto? Curare le nostro PM e’ un puro gesto di amore. Anche io l’ho creata da me e ora, suoi pezzetti, si trovano in varie case. Anche io “spaccio” 🙂 Complimenti ancora e ti aspetto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.