Challah

Eccoci tornate all’appuntamento mensile con Re-Cake 2.0.
Diamo inizio al nuovo anno con una ricetta della tradizione ebraica: Challah.
Per chi non lo conosce è un pane che viene consumato durante lo Shabbat, ovvero il giorno di riposo, celebrazione e preghiera osservato dagli ebrei.
challah01

Ormai lo sapete con Re-Cake 2.0. si viaggia attraverso le ricette alla ricerca di sapori ed odori nuovi.
Tempo fa per una cena tra amici, abbiamo già sperimentato una versione dello Challah di E. Hadjiandreou, pubblicata nel suo libro “Come si fa il pane”, dando la forma tradizionale di treccia.
Stavolta seguiamo passo passo le indicazioni delle nostre amiche di Re-Cake 2.0, sperimentando con loro la forma a corona di rose.

challah-collage

Ingredienti:
dosi per una Challah da 18 cm di diametro
250 g farina 0
4 g lievito di birra
12 g zucchero semolato
20 g olio di oliva
20 g miele
110 g acqua
5 g sale

per la farcia
2 mele biologiche
cannella in polvere
un limone

per la glassa
due cucchiai di miele
un cucchiaio di acqua bollente

Procedimento:
La sera prima abbiamo preparato l’impasto. Anna ha sciolto il lievito di birra in 110 g di acqua e miele e unito tanta farina fino ad ottenere un impasto consistente. Con la planetaria in movimento ha unito l’uovo, seguito dallo zucchero e dalla farina necessaria a far prendere corda all’impasto e sale.
Ottenuto un impasto omogeneo ed elastico ha versato l’olio a filo e impastato fino ad avere un impasto lucido e compatto.
L’impasto è stato lasciato in frigo tutta la notte. L’indomani abbiamo lasciato l’impasto a temperatura ambiente per un’ora e nel frattempo abbiamo tagliato le mele a fettine sottili, mantenendo la buccia, e fatte bollire per 20 minuti in acqua con il succo e la scorza di mezzo limone.
Una volta scolate le fettine, le abbiamo asciugate. Abbiamo steso l’impasto delicatamente con il mattarello, utilizzando una formina abbiamo ottenuto tanti cerchi e siamo passate alla formatura. Seguite questo link.
Noi abbiamo solo aggiunto delle fettine di mele e un po’ di cannella prima di arrotolare le rose. Formata la challah l’abbiamo messa a lievitare in forno spento fino a raddoppio e cotto in forno ventilato a 180 gradi fino a doratura. Mescolato il miele all’acqua calda abbiamo glassato la nostra challah rendendola lucida.

challah02

Un pane dolce che ha conquistato un amico esigente ma che lasciato indecise noi che amiamo dolci più decisi. Le mele e la cannella hanno arricchito un lievitato semplice che si presta a mille interpretazioni, nel rispetto delle tradizioni.
Lo riproveremo e vi invitiamo a farlo con noi.

Con questa ricetta partecipiamo a Re-Cake 2.0.

recake2.0 _1a

Please follow and like us:
error

4 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.