krumiri-riso-arancia

Krumiri

Ben ritrovati!
Che ve ne pare di questo nuovo anno?
Noi siamo perplesse: stiamo soffrendo il freddo e soprattutto una di noi non riesce a smettere di perdere peso causa mancanza di fame.
Siamo sicure che non è un problema irrisolvibile ma non è da sottovalutare per due persone che vivono di colazioni e merende, non c’è quasi più piacere nel condividere il momento.
Così prima di Natale, quando già nelle nostre menti si annidava l’idea di preparare regali commestibili per amici e parenti, qualcuno si è armato di tanta pazienza e si è cimentata con i Krumiri.

krumiri-arancia

Nemmeno ricordo l’ultima volta che abbiamo mangiato i Krumiri, credo risalga ad almeno un paio di anni fa in cui abbiamo sgranocchiato i pacchetti monoporzione Bistefani.
Cercando un po’ online siamo incappate in diverse ricette, ma non soddisfatte abbiamo sistemato un po’ riuscendo ad ottenere dei Krumiri leggeri e saporiti nella versione senza glutine.

krumiri-riso-arancia

krumiri-riso-arancia

Ingredienti:
dosi per circa 25 biscotti
200 g farina di riso
70 g zucchero semolato
70 g burro
20 g tuorlo
45 g latte intero
un cucchiaino di pasta di arancia
un pizzico di sale
un cucchiaio di miele di arancio

per la decorazione
250 g cioccolato fondente

Procedimento:
Nella ciotola della planetaria lavorate con la frusta il burro morbido insieme allo zucchero. Ottenuta una crema versate il tuorlo a filo mantenendo la macchina in funzione.
A questo punto aggiungete metà dose della farina aiutandovi con un cucchiaio seguita dal latte, il sale, la pasta di arancia e il miele. Amalgamate ed aggiungete la restante dose di farina sempre a cucchiaiate.
Una volta compatto, trasferite l’impasto innuna sac a poche con bocchetta a stella e create i krumiri cercando di mantenere una lunghezza omogenea.
Disponete su una teglia ed infornate a 170° C per 15 minuti.
Nel frattempo sciogliete a bagno maria il cioccolato fondente dove immergerete delicatamente i krumiri una volta sfornati.

krumiri-riso-arancia

Le nostre giornate prendono una svolta migliore con un nonnulla: un cornetto bello e, perchè no, anche buono portato a casa dal solito bar; un lievitato ben riuscito in casa; un biscotto preparato con tanta precisione per far tornare la voglia di fare colazione.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.