Pizza in teglia a lunga lievitazione

In questo ultimo periodo, scrivere un post non è facile.
Potreste aver avuto l’impressione di un grande amore che si affievolisce pian piano, ma in realtà non è così noi non abbiamo smesso di amare e ricercare l’angolino che negli ultimi anni ci siamo riservate.
Non è nemmeno questione di tempo o di ricette mancanti, dovreste vedere quanti fogli volanti ci sono sparsi in cucina.
È solo questione di pensieri che a volte faticano a prendere forma, a trasformarsi in parole che scorrono leggere, a liberarsi da ogni vincolo che li circonda.
Così proviamo a spezzare questo silenzio con ciò che più ci rilassa: impastare…
Che ne dite di una Pizza in teglia!

pizza-teglia-lievitazione

Si sa, quando si parla di pizza difficilmente qualcuno si tira indietro e salta la cena, specialmente se è ben lievitata e condita.
Fin qui siamo tutti d’accordo; ma ora nascono le preferenze pizza al piatto o in teglia, bianca o rustica, lievito di birra o lievito madre, alta e soffice o bassa e croccante.
In pratica non è per niente facile accontentare tutti, ma noi oggi ci proviamo!

pizza-lunga-lievitazione

pizza-impasto-lievitazione

Ingredienti:
dosi per 2 persone
150 g farina manitoba
200 g farina 00
50 g farina integrale
3 g lievito di birra fresco
340 g acqua
8 g sale fino
25 g olio extravergine di oliva
q.b. farina di semola per lavorare l’impasto

per condire
400 g pomodoro pelato
200 g mozzarella
100 g provola piccante
q.b. sale fino
q.b. olive nere
q.b. origano
q.b. olio extravergine di oliva

Procedimento
In planetaria versate il lievito con una buona dose di acqua tiepida, azionate la macchina lavorando l’impasto con la frusta a k o foglia e, dopo pochi giri, iniziate ad incorporare la farina. Continuate ad aggiungere farina alternata alla restante dose di acqua.
Lavorate per bene l’impasto fino a raggiungere una bella incordatura: a questo punto aggiungete il sale e, una volta incorporato, versate l’olio poco alla volta dosando con un cucchiaio.
Serrate l’impasto, riponetelo in una ciotola unta e coperta da pellicola, prima di trasferirlo in frigorifero per circa 12 ore.
Trascorso il tempo, recuperate la ciotola e lasciate che l’impasto raggiunga la temperatura ambiente, ci vorranno almeno un paio di ore prima di poterlo maneggiarle.
Durante l’attesa tagliate a striscette la mozzarella e lasciatela scolare in un colino.
Trasferite su di un piano infarinato con farina di semola e stendete delicatamente ottenendo una forma rettangolare. È inportante fare attenzione e non bucare le bolle di lievitazione.
Effettuate una piega a tre e lasciate riposare per un’ora e mezza coprendo a campana l’impasto con una ciotola.
Preparate una teglia da forno, versate dell’olio e distribuitelo su tutta la teglia con i palmi della mani. Prendete l’impasto e stendetelo delicatamente sulla teglia avendo la pazienza di lasciar riposare qualche minuto se l’impasto tenderà a tornare indietro.
Coprite la teglia con un canovaccio e fate riposare mentre preriscaldate il forno a 240°C, vi basteranno 20-30 minuti.
Nel frattempo, prendete i pomodori pelati, versateli in un piatto fondo e schiacciate con una forchetta. Grattugiate la provola piccante e disossate le olive nere.
Quando l’impasto sarà ben gonfio e il forno ben caldo, distribuite il pomodoro sulla pizza, condite con una manciata di sale fino ed infornate per circa 15-20 minuti ottenendo dei bordi ben dorati.
Tirate fuori la pizza, distribuite altro pomodoro, condite con un pizzico di sale; aggiungete la mozzarella e le olive.
Ripassate in forno per qualche minuto in modo da far sciogliere la mozzarella.
Tirate fuori dal forno la pizza, distribuite sulla superficie la provola e, per finire, condite con olio extravergine di oliva e una manciata di origano.

pizza-integrale-piccante

Se non siete amanti della farina integrale, anche se a nostro parere dovreste tentare, potreste provare la nostra Pizza in teglia preparata con farina di semola e lievito madre.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.